San Giorgio Quinto Tv – Litorale Nord 63/84

San Giorgio Quinto
Boato 3, Lena 5, Nasato, Facchinetto, Giomo 8, Pusineri 16, Cosmo, Giordano 5, Schiavon 4, Zinetti, Zanardo 14, Barzan 8.
All. Giordano
Ass. All. Berto

Litorale Nord Cavallino Treporti
Gusso 12 (2/2 5/8 0), Buratto 24 (0/1 6/9 4/6), Codato, Toffolo 2(0 1/5 0/4), Vendramini 2 (0 1/2 0), Pravato 18 (5/6 5/10 1/2), Costantini (0 0 0/1), Agostinetto 11 (1/2 5/13 0), Serena 15 (2/2 2/4 3/6), Mestriner.
All. Romanin
Ass. All. Torcellan

arbitri:
Scandaletti di Padova e Cristofoli di Venezia

parziali:
1 quarto 12/16 12/16
2 quarto 32/30 20/14
3 quarto 45/50 13/20
4 quarto 63/84 34/18

usciti cinque falli: Toffolo
tiri:
San Giorgio Quinto 11/14 14/34 8/15
Litorale Nord 10/13 25/51 8/19

note:
che dire? Quando un giocatore viene improvvisamente baciato dalla sorte, nulla da eccepire: giù il cappello e mani rosse a forza di batterle. Quella di sabato sera e’ stata se non la sua prestazione migliore da quando gioca a Cavallino Treporti una tra le prime cinque, forse da metterla nel podio. Come avete capito, stiamo parlando di Gabriele Buratto, giocatore con un fisico eccezionale, con due molle al posto delle gambe che solo venerdì sera aveva dato buca all’allenamento (per la gioia di coach Romanin) a causa di febbre a 38,5 (notizie ufficiali). La sua prestazione nell’ultimo quarto di gioco con 22 punti all’attivo in circa sette minuti di gioco, fa passare in secondo piano una buona prestazione di squadra, dopo un avvio alquanto balbettante con palle perse in maniera banale e tiri -tirati tanto per tirare- e dove un ottimo Pravato ha guidato i compagni in maniera efficace e realizzando anche canestri importanti in momenti cruciali del match. Ottime prestazioni dei ritrovati Gusso e Agostinetto che hanno dovuto contenere un immarcabile Zanardo se non altro per i suoi 214 di altezza e autentico dominatore del semicerchio della lunetta.
Detto dell’avvio della gara, nel secondo quarto al 7′ il punteggio e’ ancora in perfetta parità 25/25. Terzo quarto con un leggero vantaggio trevigiano al 4′ 39/34, ma con un canestro di Serena e uno di Vendramini ( anche ieri nel giorno del suo campionato in precarie condizioni fisiche) riportano la “baia” in vantaggio 48/45. Ultimo quarto: Gabriele Buratto decide di piazzare in sequenza un canestro dopo l’altro e il vantaggio aumenta fino al massimo finale e partita praticamente chiusa.
Domenica prossima appuntamento con i primi in classifica del Bussolengo, squadra incontrata più volte nel passato campionato per continuare a veleggiare nelle parti alte della classifica e sperando in una nuova influenza di Gabriele Buratto (notizie ufficiali).